Simonetta Filippi,

maestra, scrittrice e artista, mia grande amica,

mi vede così :

 

Un giorno Depero disegnò Clara

piccola guizzante occhi attenti

un sorriso da bambina stupita

le punteggiò la nebbia intorno

così il grigio l’avrebbe protetta

scarpe larghi pantaloni casacca

giallo verde rosa fluorescente

perché fosse ben vista a Milano

 

le mise il vento nelle tasche

che lei scoprì molto più tardi

andando in bicicletta al mare

 

però riuscì a volare da subito

 e non si spiegava il come

 

forse l’acqua di Lourdes si diceva

o la voglia di affrontare il mondo…

 

Il tempo di una cicca e non la trovò più!

“Femmina” pensò Depero “volata via”

 

con matite colorate forbici

carte universo assorbenti preziose

ago fili stoffe materia bottoni

 

 e c’è sempre un bottone diverso

ed è bello scoprirne i perché

 

chè sanno fare i nidi, loro,

e sedie pronte a fermarti

un attimo… a raccontare

 

e finirà barbona sotto un ponte

Clara

Madonna ruotante gonna vestita

 

a cucirti la vita addosso e

lei sa farlo precisa improbabile

 

lei memoria di mani sapienti

lei santini di pizzzi e foreste

lei girotondi lei figurine

geometrie preziose avvolgenti

come infinite sciarpe all’uncinetto

per testate di letto singolo

…ed un matrimoniale papel picado

 

perché la vita si taglia

e ricucirla è viverla.

 

                                                   Simonetta Filippi

                                                                                       

 01/08/2011